Where Where Where: seconda tappa

Where Where Where: seconda tappa   Il progetto Where Where Where risponde alla previsione di Robert Musil secondo cui in futuro l’arte si sarebbe manifestata là dove meno ce lo si aspettava. Quando Alessio Barchitta mi ha parlato per la prima volta della sua idea, mi ha detto che il progetto nasceva dal desiderio di…

Continua a leggere

Cena con mostra: Matteo De Nando, Supporters

Cena con mostra: Matteo De Nando, Supporters   Il mese scorso è stata inaugurata, presso Zazà Ramen, la mostra personale di Matteo De Nando, Supporters, a cura di Marta Orsola Sironi in collaborazione con Artoday. È sì una mostra ma è anche occasione di porre l’accento su una questione che, più ad ampio raggio, tocca…

Continua a leggere

3 luoghi dell’arte a Roma: 1. Museo Hendrick Andersen

1. Museo Hendrick Andersen Fra l’eterno e l’assoluto, il primo dei tre luoghi atipici dell’arte da visitare a Roma A pochi passi da Porta del Popolo si trova Villa Helene, edificio in stile eclettico neo-rinascimentale, che ospita il Museo Hendrik Christian Andersen. Costruita tra il 1922 e il 1925 su disegno dello stesso artista, si…

Continua a leggere

Idiomatismi sincretici | Zana Masombuka

Idiomatismi sincretici L’eclettismo linguistico della Cellar Contemporary in mostra fino al 15 maggio con Zana Masombuka   Avete presente la sensazione che si prova quando, perdendosi per le vie della città nell’intento di scoprirne i misteri, ci si imbatte in negozietti estremamente minuti e altrettanto curiosi che si rivelano splendide Wunderkammer? Veniamo rapiti da un…

Continua a leggere

To keep your balance, you must keep moving

To keep your balance, you must keep moving Intervista a Leonardo Meoni   Dopo un fitto carteggio virtuale riesco finalmente ad incontrare nella culla del Rinascimento italiano, Leonardo Meoni (Firenze,1994) giovane artista agli esordi che tuttavia vanta già una promettente carriera. I suoi studi prendono avvio con il Liceo Artistico di Siena il cui naturale…

Continua a leggere

Visibilia | Rendere visibile l’invisibile

Visibilia Rendere visibile l’invisibile   Il processo di apprendimento umano avviene per due vie: quella razionale del lògos e quella dell’intuizione, cioè del pensiero per immagini. L’invisibile fa parte della vita umana tanto quanto il visibile. L’uomo è mosso infatti da due tipi di desiderio: percettivo e cognitivo. L’arte è uno dei pochi luoghi dove entrambe le tipologie…

Continua a leggere

Out of Africa | I. Carollo

Out of Africa la mostra di Iole Carollo per un viaggio verso le origini   È possibile ripercorrere il tempo tornando alle nostre origini? Possiamo ricostruire un percorso a ritroso che ci conduca alla culla in cui siamo nati? A queste domande apparentemente astratte e riflessive, Iole Carollo, archeologa e fotografa classe 1977, fornisce risposte…

Continua a leggere

Narrazioni altre #3 | Meriel Price

Narrazioni altre #3 Anti-architettura della performance con Meriel Price   ITA (English below) Meriel Price scrive pièces di teatro musicale contemporaneo, è una sassofonista professionista, un’attrice e performer e artista visiva. Price fa parte dell’ensemble DieOrdnungDerDinge, con cui ha performato su scala internazionale in spazi come Guggenheim, Bilbao e Haus der Kulturen der Welt, Berlin.…

Continua a leggere

Ritorno alla Madre

Ritorno alla Madre la ricerca della genesis dell’arte di Ado Brandimarte e Claudio Zorzi   Uno spazio scavato su muri non levigati, ma grezzi e vivi. Il buio e la luce. Il canto del merlo, La Siringe. È qui che ha luogo la mostra dello scultore Ado Brandimarte e del pittore Claudio Zorzi, il Ritorno…

Continua a leggere

Margini identitari

Margini identitari Gli occhi hanno paura ma le mani fanno   La luce “bianca” è il risultato dell’addizione di tutti i toni dello spettro visibile, perciò dovrebbe essere definita più correttamente come a-cromatica, cioè priva di colore. La concezione comune del dolore è piuttosto simile. Nell’epoca contemporanea la sofferenza appare definibile solo come un blocco…

Continua a leggere