Folate di fumo in galleria
Julieta Aranda da Francesco Pantaleone

di Salvatore Davì

Ad invadere il nuovo spazio della Galleria Francesco Pantaleone a Palermo è il fumo. Una nuvola densa accompagna le opere di Julieta Aranda; una riflessione sulle tensioni sociali si poggia come una coltre sulle pareti, per terra e sulla gente. Il risultato è spiazzante e il titolo della mostra Where There’s Smoke appare esaustivo nel momento in cui la nube si condensa sulle immagini che collegano la mostra ai fatti, ai disagi sociali e alle forme dei conflitti internazionali in atto. La tensione etno-antropologica e l’impeto del riscatto sociale, come suggerisce Laura Barreca, curatrice della mostra, valicano lo specifico della scintilla politica che li scatena; sono i drammi della gente a fissarsi nello sguardo attraverso i mass media e gli scontri etnici si immobilizzano nella retina e bruciano gli occhi dello spettatore. Le opere sembrano lo scarto di un conflitto già esaurito e sembra che il fumo sia arrivato a Palermo per raccontare il fuoco che lo ha generato; la miccia che si è presentata come avamposto di battaglia. Aranda propone un modello estetico che coincide con l’etica del contenuto e la forma artistica tocca punti di convergenza con la forma dell’informazione mediatica: immagini reticolate, sgranate e precarie come quelle delle testimonianze catturate da chi è all’interno di una rivolta. Laura Barreca, afferma nel testo: “Queste rappresentazioni, quasi sempre frutto di rielaborazioni, rispondono ad un interesse specifico dell’artista nello svelare le dinamiche della comunicazione mediatica contemporanea, alludendo alle modalità con le quali l’opinione pubblica viene manipolata (…)”. L’artista invita ad una profonda presa di coscienza sociale ed internazionale; il fumo è, dunque, in mostra come monito, come emblema che rappresenta l’offuscamento della visione e la mancata nitidezza su fatti e agenti che condizionano drasticamente la serenità di diverse comunità.

(1)

(2)

(3)

(1) inaugurazione mostra di Julieta Aranda, Where There’s Smoke, foto di Fausto Brigantino
(2) inaugurazione mostra di Julieta Aranda, Where There’s Smoke, foto di Fausto Brigantino
(3) Julieta Aranda, courtesy Galleria Francesco Pantaleone Arte Contemporanea

Julieta Aranda, Where There’s Smoke
A cura di Laura Barreca
Galleria Francesco Pantaleone Arte Contemporanea
Via Vittorio Emanuele 303
21 marzo / 25 maggio 2013
www.fpac.it