INTRO_dialogo tra i luoghi. Declinare l’idea di spazio
di Salvatore Davì

L’Oratorio di San Lorenzo, a Palermo, ospita (fino al 15 Novembre) “INTRO_ dialogo tra i luoghi”, progetto ideato da Anna Guillot che vede protagonisti sei artisti internazionali: Christian Boltanski, Antonio Freiles, Anna Guillot, Luciana Rogozinski, Maurizio Ruggiano e Peter Wüthrich. La mostra, promossa dagli Amici dei Musei Siciliani in occasione della nona Giornata del Contemporaneo AMACI, è costruita su diversi piani semantici che sezionano il concetto di luogo; Le opere presentano i dispositivi che caratterizzano la determinazione di un luogo come tale; i punti di partenza per la riflessione sono tanti e differenti, toccano diversi aspetti dell’iter che genera la concezione di un luogo e fa di uno spazio un’appropriazione. L’allestimento di Luciana Rogozinski mette insieme i pezzi di un racconto eterogeneo; l’arduo compito di far dialogare il tutto con un luogo dalla grande stratificazione culturale amplifica il senso di trovarsi di fronte ad un tema vasto e ricco di declinazioni. Il percorso espositivo vive come un respiro: si dilata e si ancora coerentemente all’Oratorio, si comprime e crea un dislivello; i piani d’indagine si percepiscono e procedono autonomamente, allo stesso tempo si amalgamano. Scopo raggiunto? Sembrerebbe di sí, soprattutto se si considera il rapporto tra “spazio” e “luogo” come negoziazione gnoseologica dove i tasselli di un discorso posso aderire coerentemente o possono essere ricollocabili, o agire come scollamento identitario, o presentarsi come spazio di per sé. E allora le declinazioni dei sei artisti si concentrano in aree di attenzione: luogo è, nell’opera di Antonio Freiles, far dialogare l’Oratorio con una scala di significati che partono dalla pagina e via via si estendono al libro e alla relazione con l’architettura. Luogo è ciò che lega lo spazio all’individuo, nelle opere di Anna Guillot, Luciana Rogozinski e Maurizio Ruggiano: gli spazi come percorsi tangibili, come invisibilità (la voce) e come agente d’identità che confluisce in una traccia, in una frase, in un segno, in un volto, in un nome. Luogo è habitat, tragitto urbano e connessione, nel progetto di Peter Wüthrich. Luogo è lo spazio “interno”, nei dieci libri d’artista di Christian Boltanski che il KoobookArchive/Lab_KA ha fornito per il progetto.

(1)

(2)

(3)

(4)

(5)

(6)

(7)

Oratorio di San Lorenzo
Via Dell’Immacolatella 5, Palermo
Info mostra +39 334 9821594
www.amicimuseisiciliani.it
info@amicimuseisiciliani.it

orario 10:00 / 18:00
apertura tutti i giorni
fino al 15 novembre 2013

(1) Antonio Freiles, Introibo, 2013
(2) Anna Guillot, It Is, 2000
(3) Anna Guillot, Freundeskreis: Anna, 2013
(4) Luciana Rogozinski, Accanto all’angelo, dov’è l’ombra della spada fiammeggiante?, 2013
(5) Maurizio Ruggiano, Devozione, video, 2012
(6) Peter Wüthrich, Angeli di Cimiano, Les angel de Paris, Los angeles de Madrid, Libri d’artista/video, courtesy KoobookArchive/Lab_KA
(7) Christian Boltanski, Libri d’artista, courtesy KoobookArchive/Lab_KA