“Universi geometrici. Opere di Yumiko Kimura e Jun Sato”

di Valentina Lucia Barbagallo

 

jun-sato-origami-ribbon-mo%cc%88bius-2014-cm-20x20(a)

Alla FAM Gallery di Agrigento – dopo l’esperienza nella suggestiva cornice al Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi, esaltata da un allestimento minimale ed efficace – si è inaugurata la mostra “Universi geometrici. Yumiko Kimura e Jun Sato”, a cura di Cristina Costanzo. La mostra, visitabile fino al 30 ottobre, è inserita nell’ambito delle celebrazioni ufficiali del 150° anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia al fine di creare uno scambio artistico-culturale tra le due nazioni.

jun-sato-kirigami-struttura-2016-cm-20x30(b)

Il progetto espositivo propone un incontro possibile tra linguaggi differenti che nella geometria trovano un’importante fonte d’ispirazione. Le fotografie realizzate da Jun Sato coniugano tradizione e innovazione all’insegna della nascita nipponica dell’artista e della sua formazione europea. Si tratta di immagini puramente geometriche, la cui unicità – sottolinea la curatrice – “è insita nel processo creativo a esse sotteso”, che prende le mosse da modelli di carta elaborati secondo le antiche tecniche orientali dell’origami e del kirigami pervenendo, infine, alla realizzazione della fotografia digitale.

 yumiko-kimura-cpma2010-2010-vetro-float-chiaro-sagomato-e-incollato-a-raggi-uv-legno-dipinto-cm-50x50x17

(c)

Ed ancora, il percorso espositivo include le opere di Yumiko Kimura – esponente del movimento artistico internazionale Madi – sculture in vetro float che risentono dei colori e dei paesaggi naturali e urbani incontrati dall’artista durante i suoi numerosissimi viaggi. Rigore e creatività contraddistinguono la compostezza geometrica della sua ricerca.

 yumiko-kimura-spirale-angulaire-pb-2013-vetro-float-chiaro-sagomato-e-incollato-a-raggi-uv-cm-26x24x23(d)

Un appuntamento con la cultura giapponese e quella italiana è quello che ci propone Cristina Costanzo invitandoci a visitare la mostra e a cogliere, anche attraverso le diverse prospettive dei contributi critici raccolti nel catalogo, i linguaggi delle ricerche di questi due artisti nipponici.

img5222p(e)

img5223p

(e)

img5310p(e)

(a) JUN SATO, Origami (Ribbon möbius), 2014, cm. 20×20

(b) JUN SATO, Kirigami (Struttura), 2016, cm. 20×30

(c) YUMIKO KIMURA, CPMA2010, 2010, vetro float chiaro sagomato e    incollato a raggi UV, legno dipinto, cm. 50x50x17

(d) YUMIKO KIMURA, Spirale angulaire PB, 2013, vetro float chiaro sagomato e incollato a raggi UV, cm. 26x24x23

(e) “Universi Geometrici. Yumiko Kimura e Jun Sato”, FAM Gallery, Agrigento, veduta della mostra.